Home > Tornei veterani > 1° SICILY VETERAN'S CUP 2019



Torneo


Programma


Quote


Escursioni


Fotogallery


VISITE GUIDATE


Gli orari degli incontri permetteranno ai partecipanti di visitare una delle parti più belle della Sicilia.
Qui di seguito Vi elenchiamo alcuni itinerari:

Palermo

Prima fù città greca e romana, poi capitale araba, in seguito fù conquistata da normanni e svevi. L'influenza del passato multietnico di Palermo è visibile nella Cattedrale, nata su una basilica preesistente, trasformata in moschea dagli arabi e poi riconsegnata dai normanni alla religione cristiana, custodisce le reliquie di Santa Rosalia, patrona della città. Vi si trovano anche le tombe degli imperatori, tra cui Ruggero II e Federico II. Nelle vicinanze sorge il Palazzo dei Normanni, in origine edificio arabo, da sempre sede del potere: contiene la cappella Palatina, ricca di mosaici di influenza bizantina che, insieme a quelli della chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio (o Martorana), rappresentano dei veri e propri capolavori d’arte. Su piazza della Pretoria si affaccia il seicentesco palazzo del Municipio, con una splendida fontana del Cinquecento. In questa zona le strade portano nomi in italiano, arabo ed ebraico. Da qui, si scende verso il mare, passando per la Vuccirìa, il mercato più antico e animato della città, in piazza San Domenico, dove sorge l’omonima chiesa. Altro edificio di epoca normanna è la chiesa sconsacrata di San Giovanni degli Eremiti, edificata sulle fondazioni di un’antica moschea. Nel cuore antico della città si trova l’imponente edificio trecentesco detto Steri, già carcere e tribunale. Qui vicino sorgono la chiesa di Santa Maria degli Angeli, e Palazzo Abatellis. La parte più moderna di Palermo è dall’altro lato della città. Superando il neoclassico Teatro Massimo, tempio della lirica, in piazza Politeama si scorge l’altro teatro cittadino, Teatro Politeama Garibaldi, eretto a metà Ottocento in stile pompeiano. Attrattiva cittadina è il caratteristico Teatro dei Pupi, teatro delle marionette, i cui protagonisti sono da sempre Carlo Magno e i suoi paladini. L’Orto botanico, fondato nel 1789, è famoso per gli esemplari provenienti da tutto il mondo. Chi ama l’antiquariato non può invece perdere una visita al Papireto. A Palermo i mercati (Vuccirìa e Ballarò) sono il regno dello street food, dove si può gustare lo " Sfincione " (una pizza speziata con caciocavallo e salsa di pomodoro), " Pane e Panelle " (pane con farina di ceci), " Pane ca meusa " (pane con milza) che puoi mangiare semplice o " maritato " (con la ricotta che attenua leggermente il sapore forte della milza). E poi, da provare " granite " e gelato , rigorosamente con la brioche o il pudding di riso, che qui si chiama " Arancina ".

Dintorni di Palermo

Incantevoli, a cominciare da Mondello, la spiaggia dei palermitani, rinomata per il suo mare cristallino. Qui i “polipari” vendono il polpo già bollito e tagliato a pezzetti. Monreale con le catacombe, il Monte Pellegrino con il Santuario di Santa Rosalia, non lontano c'è Segesta e in un'ora di auto è anche possibile raggiungere Trapani e la piccola Erice.